2016

 

8583p

Il 2016 è iniziato da qualche giorno e – questo lo preciso subito – non credo ci sia un passaggio netto da un anno all’altro, né tantomeno credo nei buoni propositi che si è soliti fare proprio in vista di questo “passaggio”. Credo però in una continuità. Nei giorni, nei mesi e negli anni che passano. E se è vero che, come dice Rodari in una sua filatrocca

il giorno dopo il lunedì

sarà sempre un martedì […]

per il resto anche quest’anno 

sarà come gli uomini lo faranno.

non ci resta che rimboccarci le maniche e fare in modo che sia un buon 2016!

Questo non toglie che sia comunque bello farsi degli auguri e quel che vi auguro per questo “nuovo” anno – e che auguro anche a me stessa – è tutto racchiuso in questa foto.

Vi auguro una parete (non importa quanto grande o quanto vuota) da riempire con foto che ritraggano la vostra felicità, i vostri viaggi, ciò che amate…

Vi auguro un divano su cui rilassarvi e su cui ridere, scherzare, leggere, parlare con chi vi sta a cuore e di ciò che vi sta a cuore…

Vi auguro un orologio che scandisca il tempo (i vostri attimi speciali, quotidiani o difficili che siano):  quello di dedicarsi a se stessi, quello di dedicarsi agli altri, quello di festeggiare, quello di partire, quello di imparare, quello di sognare, quello di rischiare, quello di superare le difficoltà ma anche, più semplicemente, quello di alzarsi di corsa per andare a lavoro o quello in cui la sveglia non va puntata perché è domenica…

Vi auguro una luce da accendere nei giorni bui e da tener spenta nei giorni in cui splende il sole…

Ovviamente il tutto è da leggere anche – se non soprattutto – in chiave metaforica. E poi beh, so che potrei augurarvi ed augurarmi molto di più, ma la felicità sta nelle piccole cose! 🙂

 

Auguri!

Io preferisco dire che bisogna crederci. Non è granché crederci, possono farlo tutti: basta metterci un po’ di buona volontà, far tacere il rumore intorno, aprire gli occhi e vedere la propria buona stella. Le persone non credono più alla loro buona stella, ed è un peccato. Si sbagliano, non c’è dubbio: lei c’è per tutti, bisogna solo prendersi la briga di cercarla. A volte brilla dentro alle piccole cose, cose minuscole. In una presenza, per esempio. Al mondo siamo in sette miliardi, eppure, per una sorta di miracolo, basta una voce, un cuore, un certo modo di vedere le cose per illuminare tutto di colpo. Ho conosciuto alcune persone speciali che brillavano persino quando nessuno le vedeva. (LA FELICITA’ DELLE PICCOLE COSE. Caroline Vermalle)

3 pensieri su “2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...